.
Annunci online

  dsoria [ ******Il diario Democratici di Sinistra di Oria****** ]
         

ISTRUZIONI PER L'USO:
Vuoi sapere cosa stanno facendo i nostri politici a Oria, in provincia, alla regione o al governo?
Allora non ti resta che accedere a una delle Rubriche che trovi proprio sopra il nostro simbolo.
Ricorda inoltre che questo Blog mostra solo gli articoli scritti nel mese in corso. Quindi se vuoi leggere anche quelli passati devi consultare il calendario che trovi in alto a destra e scegliere il mese.
 


Hai un problema, ma nessuno sul Comune ti da ascolto?
Puoi segnalarlo a noi: lo porteremo dritto dritto in Consiglio Comunale!
Contattaci all'inidrizzo    email
dsperoria@libero.it





Qualche illustre pensiero


“Pochi avranno la grandezza per raggiungere la storia, ma ciascuno di noi può agire per cambiare qualcosa nel mondo, e nell’ insieme di tutte queste gesta sarà scritta la storia di questa generazione”
( J. F. Kennedy)




“Nella guerra determinazione; nella sconfitta, resistenza; nella vittoria, magnanimità; nella pace benevolenza”

( W. Churchill)



 
"...I principi restano e le idee invece cambiano con gli uomini cui vengono date in appalto. L' impegno della coerenza ho imparato a riservarlo soltanto ai valori fondamentali cui un uomo deve ispirare la propria condotta: il dovere dell' onestà, del coraggio, della responsabilità. Ma sul piano delle idee, sono state proprio l' onestà, la sincerità ed il coraggio che mi hanno costretto a cambiarle ogni volta che mi sono trovato di fronte all' evidenza del loro o del mio inganno".
(Indro Montanelli)



 

 

 

 

 

 
"...La vera scelta non è tra essere fedele ai valori o tradirli, ma tra avere il coraggio di cambiare e rinchiudersi nel conforto della propria identità. I valori non possono essere cambiati, le politiche si".
(Tony Blair)



 

“Non condivido la tua idea, ma darei la vita perché tu possa esprimerla”
(Voltaire)

 


“E’ morale ciò che ti fa sentir bene dopo che l’ hai fatto e immorale ciò che invece ti fa sentir male”

( E. Hemingway)

 



“Chiunque può sbagliare; ma nessuno, se non è uno sciocco, persevera nell’ errore”

( Cicerone)

 




“La gloria più grande non sta nel non cadere mai, ma nel risollevarsi sempre dopo una caduta”

( Confucio)

 



“Il cuore, non la ragione, sente Dio; ecco ciò che è la fede: Dio sensibile al cuore, non alla ragione”

( B. Pascal)

 



“Un uomo non dovrebbe mai vergognarsi di confessare di avere torto; anche perché è come dire che oggi è più saggio di quanto non fosse ieri”

( J. Swift)

 



“C’ è una misura nelle cose; vi sono precisi confini, oltre i quali e prima dei quali non può sussistere il giusto”

( Orazio)



 


“E’ la volontà che fa l’ uomo grande o piccolo”

( F. von Schiller)

 



“Nessun colpevole può essere assolto dal tribunale della sua coscienza”

( Giovenale)





“Dubitare di te steso è il primo segno di intelligenza”

( U. Ojetti)

 




“Una cattiva azione non ci tormenta appena compiuta, ma a distanza di molto tempo, quando la si ricorda, perché il ricordo non si spegne”

( J. J. Rousseau)

 




“Non c’ è speranza senza paura né paura senza speranza”

( B. Spinoza)

 

 



“Si deve smantellare la serietà degli altri con il riso, ed il riso avversare con la serietà”

( U. Eco)

 

 

 


“La gloria la si deve acquistare, l’ onore invece basta non perderlo”

( A. Schopenhauer)

 



“Io non amo la gente perfetta, quelli che non sono mai caduti, non hanno inciampato. A loro non si è svelata la bellezza della vita”

( B. Pasternak)

 



“Spesso guardando le quantità degli oggetti messi in vendita, Socrate diceva a se stesso: di quante cose posso fare a meno”

( Socrate)


19 novembre 2006

ALTRI 500 MILA EURO PERSI... SOLO CHE STAVOLTA AD ANDARCI DI MEZZO SONO I GIOVANI



Stappiamo gli spumanti! E’record! Dopo averci fatto perdere 2 milioni di euro di finanziamenti per la sistemazione del centro storico (Pirp), in soli 5 mesi l’amministrazione Ferretti adesso è riuscita a farci perdere pure 500 mila euro di finanziamenti regionali per la creazione in Oria di un centro polivate per i giovani del posto. Soldi che invece gli altri Comuni si sono guardati bene dal perdere. Tutti hanno infatti aderito a questa iniziativa varata dalla giunta Vendola e intitolata “Bollenti spiriti”, inviando ognuno il proprio progetto. Tra le pochissime città che non hanno neanche inviato un progettino è stata Oria. Ebbene, è notizia della settimana scorsa che tutti i 13 Comuni della provincia che hanno aderito all’iniziativa hanno “vinto” il finanziamento, che in soldini significa 500 mila euro circa a Comune. In ognuno di questi paesi insomma sorgerà, a spese della regione, un centro dedicato ai giovani dove poter svolgere attività culturali. Qui a Oria invece i nostri ragazzi dovranno accontentarsi di qualche sala giochi.

Un fatto grave, gravissimo, ma forse mai quanto le risposte di sindaco e assessore quando in consiglio comunale gli è stata posta la fatidica domanda: Perché Oria non ha presentato nemmeno un progetto?


Risposta dell’assessore Mazza
: “Non abbiamo aderito perché per poter chiedere il finanziamento era necessaria una popolazione superiore a 30.000 abitanti”. Falso: di tutti i comuni che hanno aderito solo Mesagne, Francavilla, Ostini e Brindisi sono tanto grandi. Tutti gli altri comuni si sono associati in tanti gruppi di cui uno solo faceva “capofila”. Potevamo farlo pure noi.


Risposta del consigliere Caniglia
: “Il problema è che il bando è uscito durante la campagna elettorale ed era impossibile adoperarsi per tempo”. Falso: anche Cisternino e Francavilla sono andate al voto, solo che loro ce l’hanno fatta senza problemi a inviare il progetto ottenendo rispettivamente 620 e 628 mila euro.


Risposta del Sindaco Ferretti
: “Allora il sindaco non ero io”. No comment….




permalink | inviato da il 19/11/2006 alle 20:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa



19 novembre 2006

CENSURA / 1



Ancora una palese violazione della legge da parte della neonata amministrazione Ferretti. Questa volta a commetterla è stato il presidente del consiglio Sorrento che ha riunito fuori tempo massimo un consiglio comunale richiesto dall’opposizione per modificare il regolamento sul pagamento della Tarsu che in alcuni suoi punti è contraddittorio e deleterio per le aziende. Ma vediamo cosa dice innanzitutto lo statuto in materia di convocazione del consiglio comunale. Articolo 26 dello statuto: “Il presidente del consiglio comunale è tenuto a riunire il consiglio in un termine non superiore ai 20 giorni quando lo richiedano un quinto dei consiglieri”. Cosa è invece accaduto? E’ accaduto che il 20 ottobre scorso l’opposizione ha presentato la sua richiesta (con le firme di 6 consiglieri) e all’otto novembre, ultimo giorno utile, del consiglio comunale manco l’ombra. Loro si sono giustificati dicendo che avevano confuso “riunire” con “convocare”. Insomma: 2 sono le possibilità. O ci hanno preso in giro, o davvero il nostro presidente del consiglio, pagato migliaia di euro all’anno, non conosce nemmeno l’ABC del suo incarico. In entrambi i casi, non c’è sicuramente da stare molto tranquilli.




permalink | inviato da il 19/11/2006 alle 20:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



19 novembre 2006

CENSURA / 2



Prosegue inesorabile l’incessante opera attraverso cui il sindaco Ferretti sta gradualmente ostacolando l’accesso da parte dei consiglieri d’opposizione agli atti pubblici. Qualche giorno fa ha infatti deciso di non rendere più disponibili per i capigruppo le copie delle delibere, come sempre avvenuto, ma solo l’elenco di queste. Non sarà più insomma possibile leggere sul momento. Chi volesse conoscerne il contenuto, per ognuna di esse dovrà compilare un’apposita domanda e attendere fino a trenta giorni prima della consegna. Un vero e proprio ostacolo che rende più difficile e ostico il controllo su ciò che stanno combinando. Lui dice che è per risparmiare un po’. Ma c’è da chiedersi: con tutti gli sprechi che ci sono al comune, guarda caso proprio le fotocopie ai consiglieri doveva andare a tagliare? Risparmiando quanto poi? E’ovvio che la cosa pare strana, a meno che non vogliamo davvero credere che questi qua hanno ridotto il Comune talmente male da non avere davvero più i soldi per fare delle fotocopie. Sarebbe troppo grave. Nel frattempo ci accontenteremo di pensare che forse sindaco e amici preferiscono una certa intimità quando governano la città, e che gli occhi indiscreti di chi è stato eletto per controllarli, forse sarebbe meglio tenerli alla larga. Non si sa mai… dovessero scoprire certe cose…




permalink | inviato da il 19/11/2006 alle 19:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



8 novembre 2006

IL COMUNE E' ALLO SBANDO: PURE IL SINDACO E GLI ASSESSORI FANNO GLI IMPIEGATI... MA E' LEGALE?!



Che presso il comune ci fossero seri problemi organizzativi a causa della cronica carenza di personale, è ormai un fatto risaputo da anni. Ma che tale deficit sia ormai tanto grave da dover costringere sindaco e assessori a fungere anche da impiegati comunali, forse non se lo aspettava nessuno. Eppure è successo, martedì mattina, quando l’assessore Giuseppe De Stadis e perfino il primo cittadino Cosimo Ferretti si sono messi a vendere i biglietti per la mensa dei bambini dell’asilo, al posto degli impiegati che in quel giorno risultavano assenti. A segnalare questo singolare cambio di programma, che testimonia in che condizioni è stato ridotto il nostro Comune, un cartello posto in bella vista sul portone di ingresso del Municipio che recitava: “Per la vendita dei ticket per le mense rivolgersi presso l’ufficio del sindaco e dell’assessore De Stradis”. Un annuncio che ha fatto sobbalzare qualcuno, sorridere altri, discutere altri ancora. In particolare non pochi hanno manifestato serie perplessità sulla correttezza della faccenda: può cioè un semplice amministratore svolgere mansioni che vanno oltre le competenze attribuite dalla legge? Sbirciando la legislazione vigente in materia parrebbe davvero di no, dal momento che tra le competenze e le funzioni spettanti agli amministratori ed elencate dalla legge 267 del 2000 non figurano incarichi simili. Ma il problema non è solo se è normale che degli amministratori si mettano a maneggiare soldi senza autorizzazione. Il problema è che questo episodio testimonia ancora una volta lo stato pietoso in cui hanno ridotto il nostro Comune dopo 5 anni di governo. Niente soldi, niente personale, niente di niente. Peggio di così, si muore.




permalink | inviato da il 8/11/2006 alle 13:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



8 novembre 2006

LOTTA AL TERRORISMO: CARROARMATO ISRAELIANO AMMAZZA 12 BAMBINI PALESTINESI CHE DORMIVANO



Continua la lotta di Israle contro il terrorismo. Ieri notte un carro armato israeliano ha infatti sparato contro un edificio pieno zeppo di pericolosi crmininali in un quartiere di Beit Hanoun, nella striscia di Gaza. I morti sono stati 18. Tra loro 12 bambini e alcune donne: le loro mamme. Questi pericolosissimi terroristi dormivano nei loro lettini quando sono stati maciullati dai razzi israeliani. Non è difficile che qualche parente di quei bambini ora si sia incazzato e cominci maturare l’idea di vendicarsi. Magari facendosi esplodere in un mercato di Israele. Terrorista.




permalink | inviato da il 8/11/2006 alle 13:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa



8 novembre 2006

ORIA: QUASI 100 EURO PER POTER RACCOGLIERE I FUNGHI. A FRANCAVILLA SOLO 40 EURO. A TORRE E' ADDIRITTURA GRATIS.



Tempi duri questi nella città di Oria per gli amanti delle raccolta dei funghi. L’amministrazione comunale di centro destra guidata da Ferretti ha infatti deciso di far pagare ai cittadini che intendano seguire il corso per prendere il patentino la bellezza di 93 euro a cranio. Una cifra che giudicare eccessiva è quasi un eufemismo. Nelle altre città a noi vicine il costo è infatti molto più ridotto. A Torre Santa Susanna l’intero corso, sovvenzionato completamente dal Comune, è addirittura gratuito. A Francavilla Fontana invece costa meno della metà: solo 40 euro. Qui infatti l’amministrazione ha deciso di far pagare il corso per  metà al privato e per metà al Comune. A Oria invece chi vuol prendersi il patentino e raccogliere funghi legalmente dovrà sborsare tutti i soldi chiesti dall’Ausl: il Comune non aiuta nemmeno con un centesimo. Loro dicono che il problema è che non ci sono soldi in cassa. Ma se questo è vero, la colpa di chi è se non di chi ci ha amministrato in questi ultimi anni? Insomma, se hanno ridotto il Comune a uno stato tanto pietoso da non poter pagare nemmeno 1000 euro per aiutare i privati a partecipare a questo corso… perché continuano a governare?




permalink | inviato da il 8/11/2006 alle 13:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



8 novembre 2006

IL COMUNE CONDANNATO DA TRIBUNALE DI BRINDISI: DA ANNULLARE I DUE CONCORSI PER L'ASSUNZIONE DI PERSONALE. SONO ILLEGALI.

Saranno con molta probabilità annullati gli unici due concorsi pubblici per l’assunzione di personale emanati negli ultimi anni. Lo ha deciso il giudice del tribunale del lavoro di Brindisi che ha condannato per ben due volte il Comune di Oria guidato prima da Moretto e oggi da Ferretti. Il motivo dell’annullamento sta nel fatto che quei concorsi sono stati espletati senza coinvolgere i sindacati, e quindi sono illegali. Ad andarci di mezzo saranno i duecento ragazzi provenienti da tutta Italia che hanno partecipato ai due concorsi, ma anche la credibilità della nostra città. Di chi è la colpa di tutto ciò? Certamente della destra di governo che ha espletato quei concorsi. Ma della destra di Moretto o di Ferretti? Premesso che tra le due non c’è differenza, la colpa è di entrambi. Di Moretto perché non ha coinvolto i sindacati e perché non ha provveduto all’annullamento quando ancora si era in tempo. Di Ferretti perché anziché fare quello che ha detto il giudice, ha assunto pure un avvocato, Epicoco, per difendere il Comune. Risultato? I concorsi sono andati avanti e alla fine il giudice ha dovuto nuovamente condannare il Comune perché stava continuando a espletare concorsi illegali. Ecco da chi siamo amministrati. Da gente che non sa nemmeno fare un concorso, che ci fa fare brute figure davanti a mezza Italia, che viene continuamente condannata dal giudice, e che arrogantemente fa finta di nulla continuando ad amministrare nell’illegalità. Forse Oria si meriterebbe qualcosa di meglio?




permalink | inviato da il 8/11/2006 alle 13:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



8 novembre 2006

MA CHE STRANE ASSUNZIONI...



Si accende la polemica a Oria attorno all’assunzione, presso due scuole elementari del posto, di nove ragazze per l’assistenza agli alunni disabili. A innescarla il capogruppo dei Democratici di Sinistra Giancarlo Marinò che già nello scorso consiglio comunale aveva sollevato la questione senza però ricevere risposte soddisfacenti, e che ora affida le sue perplessità a una interrogazione indirizzata al primo cittadino Ferretti. “Oggetto della mia interrogazione – spiega Marinò in un comunicato stampa – non è ovviamente l’assunzione delle ragazze in quanto tale, che ovviamente è un iniziativa degna di lode, quanto le modalità sicuramente poco trasparenti con cui ciò è avvenuto. E siccome di mezzo ci sono 13.500 euro dei cittadini, con cui retribuire le ragazze per i prossimi due mesi, credo che la chiarezza in merito a queste assunzioni sia d’obbligo. Anche perché, stando ai documenti, queste ragazze sono state assunte in maniera discrezionale, e non attraverso un concorso aperto a tutti”.

La vicenda nasce il tre ottobre scorso quando il dirigente scolastico della scuola elementare Edmondo De Amicis fa pervenire presso l’ufficio protocollo del Comune di Oria una lettera con cui chiedeva 7.500 euro per retribuire cinque ragazze che avevano presentato il progetto denominato “servizio specialistico alunni disabili”. “A nutrire le nostre perplessità – scrive Marinò – è innanzitutto la celerità con cui il finanziamento è stato erogato. La richiesta infatti è giunta all’ufficio protocollo il tre ottobre, e quello stesso giorno la giunta si è riunita stanziando la somma richiesta. Qualcosa di simile è avvenuta qualche giorno più tardi quando a chiedere 6000 euro è stata la scuola elementare Camillo Monaco per un progetto molto simile. Alla luce di questi fatti abbiamo voluto quindi chiedere alcune delucidazioni al primo cittadino. Anche perché credo che proprio per garantire la massima professionalità in campi così importanti e delicati come l’assistenza ai disabili, sia necessario ricercare il massimo della professionalità. E questo rendendo pubblica la possibilità di offrire detti servizi a tutti gli operatori di disabili presenti nel nostro territorio, attraverso un bando pubblico di selezione. Cosa che ovviamente per questi incarichi non è stata fatta, in cui non ha certamente prevalso il metodo meritocratico del concorso, quanto la discrezionalità: una via che certamente non garantisce alcunché”.

Diversi sono quindi i chiarimenti che Marinò chiede al destinatario della sua interrogazione: “Credo quindi sia essenziale capire – scrive il capogruppo Ds - se il progetto è stato presentato da una società, da una cooperativa o da un’associazione specializzata in materia di assistenza ai disabili, in possesso ovviamente di specifici requisiti; o se invece, come sembra, il progetto è stato presentato soltanto da alcune persone fisiche che hanno semplicemente sottoscritto un documento. Inoltre vorremmo capire se è legalmente consentita l’assunzione, a qualunque titolo, di personale senza salvaguardare le retribuzioni assistenziali e previdenziali obbligatorie, oltre che la normativa in merito all’igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro. Infine, sarebbe bene sapere se sono stati verificati i requisiti e le abilitazioni personali richieste per svolgere detto delicato servizio, e le relative esperienze maturate nel settore, atteso che la normativa nazionale e regionale per queste professionalità è abbastanza rigorosa”. E infine la proposta: “E’ per questo che chiediamo se non sia il caso di revocare, in sede di auto tutela, la deliberazioni e le determinazioni in oggetto, al fine di consentire a tutti gli aspiranti ‘operatori di disabili’ presenti nel nostro territorio, la partecipazione, attraverso un bando pubblico di selezione”. A conclusione del testo Marinò chiede che la questione venga inserita come punto all’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale.




permalink | inviato da il 8/11/2006 alle 13:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


sfoglia     ottobre        dicembre
 


Ultime cose
Il mio profilo



Aprile Infoline
Libertà è Giustizia
DS
DS Puglia
L'Unità
Italianieuropei
Il Corriere
Repubblica
La Voce
Il blog di Beppe Grillo
Brindisi News
La Chiazza
Comune di Oria
SenzacolonnE
Storia
Filosofia


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom