.
Annunci online

  dsoria [ ******Il diario Democratici di Sinistra di Oria****** ]
         

ISTRUZIONI PER L'USO:
Vuoi sapere cosa stanno facendo i nostri politici a Oria, in provincia, alla regione o al governo?
Allora non ti resta che accedere a una delle Rubriche che trovi proprio sopra il nostro simbolo.
Ricorda inoltre che questo Blog mostra solo gli articoli scritti nel mese in corso. Quindi se vuoi leggere anche quelli passati devi consultare il calendario che trovi in alto a destra e scegliere il mese.
 


Hai un problema, ma nessuno sul Comune ti da ascolto?
Puoi segnalarlo a noi: lo porteremo dritto dritto in Consiglio Comunale!
Contattaci all'inidrizzo    email
dsperoria@libero.it





Qualche illustre pensiero


“Pochi avranno la grandezza per raggiungere la storia, ma ciascuno di noi può agire per cambiare qualcosa nel mondo, e nell’ insieme di tutte queste gesta sarà scritta la storia di questa generazione”
( J. F. Kennedy)




“Nella guerra determinazione; nella sconfitta, resistenza; nella vittoria, magnanimità; nella pace benevolenza”

( W. Churchill)



 
"...I principi restano e le idee invece cambiano con gli uomini cui vengono date in appalto. L' impegno della coerenza ho imparato a riservarlo soltanto ai valori fondamentali cui un uomo deve ispirare la propria condotta: il dovere dell' onestà, del coraggio, della responsabilità. Ma sul piano delle idee, sono state proprio l' onestà, la sincerità ed il coraggio che mi hanno costretto a cambiarle ogni volta che mi sono trovato di fronte all' evidenza del loro o del mio inganno".
(Indro Montanelli)



 

 

 

 

 

 
"...La vera scelta non è tra essere fedele ai valori o tradirli, ma tra avere il coraggio di cambiare e rinchiudersi nel conforto della propria identità. I valori non possono essere cambiati, le politiche si".
(Tony Blair)



 

“Non condivido la tua idea, ma darei la vita perché tu possa esprimerla”
(Voltaire)

 


“E’ morale ciò che ti fa sentir bene dopo che l’ hai fatto e immorale ciò che invece ti fa sentir male”

( E. Hemingway)

 



“Chiunque può sbagliare; ma nessuno, se non è uno sciocco, persevera nell’ errore”

( Cicerone)

 




“La gloria più grande non sta nel non cadere mai, ma nel risollevarsi sempre dopo una caduta”

( Confucio)

 



“Il cuore, non la ragione, sente Dio; ecco ciò che è la fede: Dio sensibile al cuore, non alla ragione”

( B. Pascal)

 



“Un uomo non dovrebbe mai vergognarsi di confessare di avere torto; anche perché è come dire che oggi è più saggio di quanto non fosse ieri”

( J. Swift)

 



“C’ è una misura nelle cose; vi sono precisi confini, oltre i quali e prima dei quali non può sussistere il giusto”

( Orazio)



 


“E’ la volontà che fa l’ uomo grande o piccolo”

( F. von Schiller)

 



“Nessun colpevole può essere assolto dal tribunale della sua coscienza”

( Giovenale)





“Dubitare di te steso è il primo segno di intelligenza”

( U. Ojetti)

 




“Una cattiva azione non ci tormenta appena compiuta, ma a distanza di molto tempo, quando la si ricorda, perché il ricordo non si spegne”

( J. J. Rousseau)

 




“Non c’ è speranza senza paura né paura senza speranza”

( B. Spinoza)

 

 



“Si deve smantellare la serietà degli altri con il riso, ed il riso avversare con la serietà”

( U. Eco)

 

 

 


“La gloria la si deve acquistare, l’ onore invece basta non perderlo”

( A. Schopenhauer)

 



“Io non amo la gente perfetta, quelli che non sono mai caduti, non hanno inciampato. A loro non si è svelata la bellezza della vita”

( B. Pasternak)

 



“Spesso guardando le quantità degli oggetti messi in vendita, Socrate diceva a se stesso: di quante cose posso fare a meno”

( Socrate)


2 ottobre 2006

DOPO ANNI DI SACRIFICI, FINALMENTE UN PO' DI SOLDI ANCHE A CHI GUADAGNA MENO DI 40.000 EURO ALL'ANNO

Di che ne dicano le opposizioni e i male informati, quella varata dal consiglio dei ministri è una legge che definirei, senza troppi giri di parole, “con gli attributi”: perchè non ha paura di mettere le mani nelle tasche dei ricchi per aiutare le famiglie della classe media e bassa, le future generazioni, l'ambiente e il meridione.
Eppure la destra ha di che lamentarsi. Dicono che Prodi ha messo le mani in tasca al ceto medio, ma è davvero così? Vediamo
questa tabella (basta fare clic col mouse sulla parola “tabella”) e scopriamo chi davvero, con la nuova legge, ci guadagna e chi ci perde.

 Come possiamo leggere con estrema chiarezza, con questa legge, chi percepisce meno di 40 mila euro all’anno (il 90% dei contribuenti italiani!) ha solo da guadagnarci. In particolare, chi percepisce qualcosa come 22 mila euro annui (operai, impiegati, insegnanti, ecc.) grazie a Prodi incasserà quasi 800 euro all’anno in più! Vi sembrano pochi? Crediamo proprio di no. Da tener presente inoltre che le 800 euro diventano 900 se in casa ci sono bambini fino a tre anni di età.

 E tutto questo senza tener conto che la stessa legge prevede l’abbattimento del cuneo fiscale. In pratica si tratta di una riduzione delle tasse che avvicina la busta paga alla retribuzione lorda. Per fare un esempio, in una famiglia con due figli a carico il cui reddito complessivo si aggira attorno ai 23.000 euro, il taglio del cuneo fiscale porterà altre 810 euro all'anno circa in più: da aggiungere alle altre 800 euro dovute alla modifica dell'Irpef e delle detrazioni per le famiglie.

 Inoltre ci sarebbero da aggiungere le detrazioni per chi manda i figli in palestra (per incentivare i ragazzi alla cura della salute), le detrazioni per gli studenti che affittano appartamenti fuori sede (per far emergere il nero e al contempo aiutare le famiglie), le detrazioni per chi rottama frigoriferi e caldaie vecchie (per aiutare l’ambiente), e così via. Anche in questo caso stiamo parlando complessivamente di centinaia di euro risparmiati, ma la destra fa finta di non vedere.

 Si perché la destra vede solo le 137 euro in più al mese che dovranno pagare coloro che percepiscono un reddito annuo superiore ai 200 mila euro. Poverini! Come faranno ad andare avanti solo con 9295 euro al mese anziché 9432. Eppure Berlusconi e la sua combriccola continuano a dire che questa legge ruba soldi a tutti gli italiani. Ma forse il cavaliere non sa che nel nostro Paese solo l’1,7% dei contribuenti guadagna più di 70.000 euro all’anno.

 Come se non bastasse inoltre la legge in questione stanzia qualcosa come 3 miliardi di euro (!!!) per la sanità. Certo, qualcuno potrebbe replicare che la manovra di cui stiamo parlando prevede anche un ticket di ben 23 euro per chi riceve cure in pronto soccorso per motivi non urgenti. Ma volete mettere? Per annullare tutti i soldi che questa legge ci regala dovremmo andare al pronto soccorso qualcosa come 40 volte circa in un anno!


 
E ancora, questa legge:

- stanzia 300 milioni di euro per nuovi asili nido
- per la prima volta anche le lavoratrici precarie avranno l'indennità di malattia e i congedi di tre mesi con retribuzione pari al 30% del reddito;
- introduce una supertassa per i “Suv” ( i macchinoni tanto di moda tra i ricchi) mentre non pagherà più il bollo chi acquisterà da gennaio auto “Euro4”;

- aumenta le tasse sulle azioni mentre le abbassa sui conti correnti;

- aumenta del 3% il prelievo fiscale sulle cosiddette “pensioni d’oro”, mentre elimina ogni tassa a chi percepisce pensioni inferiori agli 8000 euro annui;

- abbatte del 25% lo stipendio ai parlamentari.

- Stanzia oltre tre miliardi di euro per l’aumento dello stipendio ai dipendenti pubblici.

 E poi:

- aumenteranno i contributi a favore dei precari;

- tornerà il bonus per le aziende del Sud che assumeranno lavoratori;

- verranno individuate nel Sud aree in cui aprire un’azienda sarà praticamente gratis!

- i fondi per il ponte di Messina verranno dirottati per costruire strade in tutto il meridione.

 Infine non va dimenticato che questa legge finanziaria va soprattutto a ridurre il deficit pubblico accumulato da Berlusconi, riallineandolo a quelle che sono le disposizioni europee. Un fatto che a qualcuno può significare nulla, ma che in realtà è molto più importante di qualunque riduzione delle tasse perché salva un intera nazione dal tracollo finanziario. L’Italia è infatti uno dei paesi col debito pubblico più alto del mondo, e se qualcuno di noi non fa qualche piccolo sacrificio (vedi ticket o riduzione trasferimenti agli enti locali) a pagarne le conseguenze sarà la futura generazione che dovrà pagare di tasca propria il debito accumulato dai genitori e dai nonni dalla fine degli anni settanta fino a oggi. Quindi, grazie Prodi, anche a nome delle nuove generazioni.


P.S.: ho sentito qualcuno lamentarsi del fatto che Prodi abbia aumentato le tasse sulla bemzina: è vero. C'è stato un aggravio dell'1% delle accise. Ma facciamo qualche calcolo approssimativo e scopriamo a quanto ammonta tale aggravio. L'1% di 1,20 euro (supponiamo rimanga più o meno questo il prezzo del gasolio per ogni litro), equivale a 0,012 euro. Spponendo che un automobilista metta ogni santo giorno 5 euro di gasolio (circa 4 litri) per tutto l'anno, l'aggravio totale alla fine dei 12 mesi sarà di 17 euro! Poco più di 1 € al mese. Ammazza che salasso!

 Se vuoi comunque un'opinione più autorevole in merito a questa finanziaria, allora fai clic qui e leggi l'editoriale di Eugenio Scalfari. Ed è proprio con un suo passaggio che chiudiamo:
"Sembra - scrive Scalfari su Repubblica - che nessuno si ricordi più del lascito che è stato ereditato dalla trascorsa legislatura. Un lascito disastroso. Con le casse vuote, l'avanzo primario azzerato, il debito in ascesa, il deficit al 4 e mezzo per cento, i cantieri delle imprese pubbliche allo sbando, la previdenza integrativa rinviata al 2008, i contratti non rinnovati. Dopo di noi il diluvio e chi se ne frega, questa sembrò essere la filosofia di quei cinque anni". 




permalink | inviato da il 2/10/2006 alle 12:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



2 ottobre 2006

ON: TOMASELLI: "CHIEDERO' LO STATO DI CALAMITA' PER IL TERRITORIO PROVINCIALE"

 On. Salvatore Tomaselli, deputato brindisino per l'Ulivo

Gli eccezionali eventi calamitosi verificatisi nelle giornate del 26 e 27 settembre hanno provocato in tutta la provincia di Brindisi ingenti danni alle strutture agricole, oltre che alle produzioni.
Dal nord al sud del territorio provinciale violentissime raffiche di vento e di pioggia hanno provocato ingenti danni alle colture arboree con abbattimenti di alberi di ulivo e piante di vite. Notevoli sono stati i danni alle strutture di sostegno ed agli impianti di irrigazione degli oliveti intensivi e dei vigneti allevati a spalliera.
Molti danni si sono registrati anche nelle strutture e negli impianti presenti nelle serre, nonché nei fabbricati rurali.
Con una nota, l’onorevole Salvatore Tomaselli ed il ministro alle Politiche Agricole Paolo De Castro assicurano, non appena la Regione Puglia avrà terminato l’iter tecnico ed amministrativo per la richiesta di riconoscimento dello stato di calamità naturale, il massimo impegno affinché il Governo emani nel più breve tempo possibile la declaratoria di calamità per i territori della provincia di Brindisi e delle altre province pugliesi che hanno subito gli stessi danni.

On. Salvatore Tomaselli
www.salvatoretomaselli.it




permalink | inviato da il 2/10/2006 alle 10:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



2 ottobre 2006

VINCENZO MONTANARO (DS): "GRAZIE A VENDOLA, PIù POSTI LETTO NEGLI OSPEDALI BRINDISINI"

 Avv. Vincenzo Montanaro, consigliere regionale DS

La Giunta Regionale
pugliese, in seguito all’istruttoria coordinata dall’assessore alle politiche della salute Alberto Tedesco, ha accolto la proposta di riorganizzazione delle Unità Operative di Chirurgia Generale e di Ortopedia e traumatologia elaborata dalla Direzione generale della Ausl Br/1.

Con l’approvazione della delibera, la Giunta regionale segna in modo inequivocabile un’inversione di tendenza nella politica regionale. Nella fattispecie, l’azione della nuova giunta guidata dal Presidente Vendola ha prodotto il prezioso risultato che oggi apprezziamo: 25 posti letto di area chirurgica (di cui 20 di Chirurgia Generale e 5 di Ortopedia) presso l’Ospedale di Mesagne; simmetricamente, 20 di Ortopedia e 5 di Chirurgia Generale nel Nosocomio di San Pietro Vernotico; altri 24 posti letto da destinare alla Chirurgia generale e 30 all’Ortopedia nell’Ospedale Perrino.

Senza comportare aggravi di spesa pubblica e mantenendo immutata la dotazione complessiva dei posti letto prevista dal Piano di Riordino Ospedaliero, il nuovo assetto riorganizzativo permetterà di allentare il sovraffollamento finora verificatosi al Pronto Soccorso del Perrino, dirottando gli utenti in modo verso le strutture di Mesagne e San Pietro, ora tornate a nuova vita. Inoltre la decisione assunta permetterà il miglioramento qualitativo delle condizioni stesse di assistenza emergenziale, fornendo i necessari supporti medico-chirurgici di cui erano ad oggi sguarnite.

Nell’accogliere la conclusione di questa vicenda con grata soddisfazione, voglio esprimere un plauso cordiale al direttore generale dell’Ausl Br/1 Guido Scoditti, il cui esemplare impegno ha testimoniato l’affetto che egli porta per la sua terra natale.
Al di là dei benefici immediati di cui ciascun cittadino della provincia di Brindisi potrà godere, importa sottolineare come il centrosinistra al governo della regione abbia nella massima considerazione la tutela del cittadino.
Nell’esercizio dei suoi doveri come nell’esazione dei suoi diritti, gli uomini e le donne di questa Regione dovranno sentirsi saldi, con la certezza che il nuovo amministratore compie ciascun atto nell’esclusivo interesse della cittadinanza.




permalink | inviato da il 2/10/2006 alle 9:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     settembre   <<  1 | 2  >>   novembre
 


Ultime cose
Il mio profilo



Aprile Infoline
Libertà è Giustizia
DS
DS Puglia
L'Unità
Italianieuropei
Il Corriere
Repubblica
La Voce
Il blog di Beppe Grillo
Brindisi News
La Chiazza
Comune di Oria
SenzacolonnE
Storia
Filosofia


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom