Blog: http://dsoria.ilcannocchiale.it

VINCENZO MONTANARO (DS): "GRAZIE A VENDOLA, PIù POSTI LETTO NEGLI OSPEDALI BRINDISINI"

 Avv. Vincenzo Montanaro, consigliere regionale DS

La Giunta Regionale
pugliese, in seguito all’istruttoria coordinata dall’assessore alle politiche della salute Alberto Tedesco, ha accolto la proposta di riorganizzazione delle Unità Operative di Chirurgia Generale e di Ortopedia e traumatologia elaborata dalla Direzione generale della Ausl Br/1.

Con l’approvazione della delibera, la Giunta regionale segna in modo inequivocabile un’inversione di tendenza nella politica regionale. Nella fattispecie, l’azione della nuova giunta guidata dal Presidente Vendola ha prodotto il prezioso risultato che oggi apprezziamo: 25 posti letto di area chirurgica (di cui 20 di Chirurgia Generale e 5 di Ortopedia) presso l’Ospedale di Mesagne; simmetricamente, 20 di Ortopedia e 5 di Chirurgia Generale nel Nosocomio di San Pietro Vernotico; altri 24 posti letto da destinare alla Chirurgia generale e 30 all’Ortopedia nell’Ospedale Perrino.

Senza comportare aggravi di spesa pubblica e mantenendo immutata la dotazione complessiva dei posti letto prevista dal Piano di Riordino Ospedaliero, il nuovo assetto riorganizzativo permetterà di allentare il sovraffollamento finora verificatosi al Pronto Soccorso del Perrino, dirottando gli utenti in modo verso le strutture di Mesagne e San Pietro, ora tornate a nuova vita. Inoltre la decisione assunta permetterà il miglioramento qualitativo delle condizioni stesse di assistenza emergenziale, fornendo i necessari supporti medico-chirurgici di cui erano ad oggi sguarnite.

Nell’accogliere la conclusione di questa vicenda con grata soddisfazione, voglio esprimere un plauso cordiale al direttore generale dell’Ausl Br/1 Guido Scoditti, il cui esemplare impegno ha testimoniato l’affetto che egli porta per la sua terra natale.
Al di là dei benefici immediati di cui ciascun cittadino della provincia di Brindisi potrà godere, importa sottolineare come il centrosinistra al governo della regione abbia nella massima considerazione la tutela del cittadino.
Nell’esercizio dei suoi doveri come nell’esazione dei suoi diritti, gli uomini e le donne di questa Regione dovranno sentirsi saldi, con la certezza che il nuovo amministratore compie ciascun atto nell’esclusivo interesse della cittadinanza.

Pubblicato il 2/10/2006 alle 9.24 nella rubrica Dalla Regione.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web